Vincitori VIII ed.

POESIA INEDITA

  1. Anna Martinenghi – “Fate conto di essere matti” – Soncino (Cremona)
    Motivazione: Elogio della follia in versi, un lirico invito alla libertà, di pensiero e di azione, alla protesta, alla ribellione e al rifiuto delle regole. Esortazione mai così necessaria come nei giorni difficili nei quali stiamo vivendo.
  2. Simone Sagripanti – “Si tratta di rimettere il sole in mezzo al cielo” – Civitanova Marche (Macerata)
    Motivazione: Nel disordine del pensiero e del linguaggio, il Poeta esprime lo spaesamento di un essere in balia di forze che non riesce a controllare e che tuttavia cerca disperatamente di riordinare.
  3. Sante Serra – “Un giaciglio di fortuna” – Baricella (Bologna)
    Motivazione: Trascrizione in poesia del disagio esistenziale di una creatura indifesa che si rifugia nella solitudine ribelle dell’oblio per sfuggire al dolore.

Premio Speciale della Giuria “E così vorresti fare lo scrittore?”:

  • Manuela Melissano – “Tutti i colori dell’arcobaleno” – Lecce
    Motivazione: In un gioco di similitudini e analogia suggerite dai colori, la Poetessa affronta e subisce un impossibile rapporto d’amore!

Menzione Speciale:

  • Erika Caser – “Marzo 2020” – Merano (Bolzano)
    Motivazione: La Poetessa riesce a esprimere con parole semplici una realtà nuova e inusuale mai sperimentata prima. La paura e l’impotenza dell’essere umano davanti alle forze della natura indifferente al bene e al male.

Finalisti (in ordine alfabetico):

  • Silvia Alonso – “Le cose che le suore non dicono” – Milano
  • Daniele Giovanni Baccaro – “La ruota di ossa” – Agliana (Pistoia)
  • Marco Barbieri – “Il terrore che semini” – Reggio Emilia
  • Luca Benatti – “Ch’io possa ancor intravedere l’alba” – Roma
  • Emilia Bezzo – “Quaderni parigini” – Asti
  • Marco Bravini – “A basket case” – Roma
  • Riccardo Carli Ballola – “Dialogo” – Comacchio (Ferrara)
  • Danilo Ceirani – “Il buio nell’anima” – Latina
  • Andrea Creuso – “La chiave del tempo” – Conselve (Padova)
  • Vittorio Di Ruocco – “Il treno per Treblinka” – Pontecagnano Faiano (Salerno)
  • Rolando Greco – “Route 395” – Carmagnola (Torino)
  • Paolo J Iraci – “Mia mamma camminava a piedi nudi” – Palermo
  • Elisabetta Liberatore – “Elegia di un precario” – Pratola Peligna (L’Aquila)
  • Venusia Marconi – “Un bicchiere di vino” – Altidona (Fermo)
  • Roberto Marsiglia – “Anima, di cosa vuoi parlare?” – Chiavari (Genova)
  • Eva Giulia Pederneschi – “Last One” – Roma
  • Isabella Petrucci – “Squallore” – Fabriano (Ancona)
  • Carlo Ricci – “E se fossero nuvole” – La Quercia (Viterbo)
  • Simona Salice – “Nota violata” – Bologna
  • Donatella Sarchini – “Red carpet” – Milano
  • Silvia Sardini – “Umano canto” – Foligno (Perugia)
  • Chiara Trombetta – “Tempi migliori” – Sora (Frosinone)
  • Rubens Villarboito – “Il poeta” – Cossato (Biella)
  • Annalisa Viola – “Beffe del Fato” – Milano
  • Diego Zanoletti – “Incubo #13” – Sarezzo (Brescia)

RACCONTO INEDITO

  1. Elena Marrassini – “Io e Berp” – Pistoia
    Motivazione: Il racconto scorre veloce e discreto. La storia di un’amicizia particolare, il cui vero valore sarà riconosciuto dal narratore solo dopo molti anni. L’ambientazione, gli eventi, i sentimenti dei personaggi si intrecciano con armonia e incisività, come in un bassorilievo.
  2. Mattia Cecchini – “La coscienza di zero” – Gubbio (Perugia)
    Motivazione: Il racconto condensa con abilità l’intreccio di quello che potrebbe definirsi come l’inferno pavimentato di buone intenzioni. Malintesi e deformazione della realtà nella storia che coinvolge tre personaggi, convinti tutti e tre della propria verità.
  3. Davide Sannia – “Whisky&Proust” – Bologna
    Motivazione: L’Autore riesce a dare voce alla consapevolezza dell’inutilità dell’impegno quotidiano imposto dal sistema pur riuscendo a conservare la fiducia, sebbene velleitaria, nel valore e nel riscatto della cultura e, specialmente, della scrittura.

Premio Speciale della Giuria “A Sud di nessun Nord”:

  • Piero Sesia – “Dinamite” – Torino
    Motivazione: Il racconto esprime un eccellente contrasto narrativo tra l’ambientazione di stampo neorealista, e l’esplorazione di un tema, quello dell’identità di genere, in un periodo storico in cui era quasi impossibile non uniformarsi alle regole della società.

Menzione Speciale:

  • Marzia Astorino – “Samuele” – Lissone (Monza-Brianza)
    Motivazione: Monologo accorato di un malato di Alzheimer, malattia spietata che pian piano oscura la mente. Al limite della percezione e della narrazione, il racconto si aggrappa a sprazzi di realtà e a interpretazioni deformate della stessa.

Finalisti (in ordine alfabetico):

  • Franco Amato – “Il giorno del mio funerale” – Lucca
  • Marco Angelini – “Il motoscafo” – La Spezia
  • Stefania Bacci – “Un po’ d’aria” – Roma
  • Andrea Barbuto – “Quelli dell’autobus numero 30 (delle 15.45)” – Catanzaro
  • Antonio Bini – “In sala” – Lido di Camaiore (Lucca)
  • Stefano Camossi – “Il grande Gaspi” – Calcinato (Brescia)
  • Carlo Castelli – “L’amante degli addii” – Torino
  • Giancarlo Cotone – “La casa nuova” – San Donato Milanese (Milano)
  • Ugo Criste – “Pietra-sabbia-acqua-terra” – Genova
  • Deadlyluka – “Incidente a Chiantown” – San Giuliano Terme (Pisa)
  • Fabiola Discianni – “Lo stato embrionale” – Torino
  • Daniela Dose – “Shaila” – Pordenone
  • Mario Eleno – “Nerina” – Montecelio (Roma)
  • Laura Figini – “Inevitabilmente Covid 19: Di quanto non ci fosse bisogno che tutto si fermasse o forse sì” – Tradate (Varese)
  • Oliviero Lolo – “Da una notte all’altra” – Carceri (Padova)
  • Alessandro Manzi – “Storia d’amore in sei caffè (non necessariamente in ordine cronologico)” – Sezze (Latina)
  • Gianmarco Marabini – “Essere” – Bologna
  • Enrico Nottoli – “Maledetto De André” – Corfino (Lucca)
  • Emanuele Rizzi – “La festa dei pazzi” – Frabosa Sottana (Cuneo)
  • Linda Rossi – “La culla della vergogna” – San Giorgio di Piano (Bologna)
  • Stefania Rotondo – “Block róża” – Roma
  • Gabriele Scelza – “Lo scrittore anonimo” – Waldbrunn (Germania)
  • Maria Luisa Stomeo – “Nel nome del Padre” – Martano (Lecce)
  • Lino Tomei – “L’incontro” – Miasino (Novara)
  • Alessandro Trinci – “L’ultimo assalto” – Quarrata (Pistoia)

ROMANZO INEDITO

  1. Pierfrancesco Mastroberti – “L’eredità di Gregor” – Potenza
    Motivazione: Romanzo breve che si caratterizza sia per una coraggiosa intesa di partenza ovvero l’approccio a un classico della letteratura del calibro di La metamorfosi di Kafka sia per una originale struttura narrativa. Intenso, avvincente, atmosfere rarefatte e un linguaggio scevro da sensazionalismi.
  2. Elettra Iago – “Etere” – Roma
    Motivazione: L’immagine di uno stato cosciente di sofferta apatia, non estraneo all’essere quotidiano dei giorni nostri, che tuttavia si trasmuta in narrazione incalzante e accattivante per il lettore. Il finale a sorpresa può essere foriero di speranza.
  3. Emilio Noaro – “Memorie di polistirolo” – Padova
    Motivazione: Fra immaginazione talora delirante e ricordi deformati, l’originale narrazione di un malessere che impedisce lo svolgersi di una vita che si vorrebbe possibile e accettabile.

Premio Speciale della Giuria “Panino al prosciutto”:

  • Santo Triolo – “Sudd” – Bologna
    Motivazione: Una scrittura sapiente che ripropone, con il chiaro intento di esorcizzarli, i cliché legati alla mentalità del Sud e del Nord Italia, collocandoli in un bel giallo di stampo classico.

Menzione Speciale:

  • Luca Pellizzoni – “Odio comandato” – Como
    Motivazione: Il romanzo narra una storia di guerra, quella stessa guerra che a distanza di tre quarti di secolo ancora avvince e coinvolge il lettore. Molto interessante e apprezzabile l’uso di una tecnica stilistica che può definirsi cinematografica.

Finalisti (in ordine alfabetico):

  • Pier Luigi Nanni – “Paradise Buffet e il dilemma d’amore” – Bologna
  • Oriano Bertoloni – “Lucertole nell’ombra” – Marina di Carrara
  • Patrizia Bianco – “L’incantato” – Potenza
  • Annamaria Bonandrini – “Nella sfera di cristallo” – Seriate (Bergamo)
  • Luca Bucciantini – “La partigiana” – Campiglia Marittima (Livorno)
  • Stefano Ceccanti – “Il Regno del silenzio” – Pisa
  • Marco Ciaramella – “Curzio… un investigatore in Valdera” – Pontedera (Pisa)
  • Giancarlo Cotone – “Gabbiani sul Bosforo” – San Donato Milanese (Milano)
  • Riccardo Piero Dalle Luche – “Confessioni di un portatore occasionale di tangenti” – Viareggio (Lucca)
  • Lucrezia Guaita Diani – “La lista” – Lisbona (Portogallo)
  • Luca Sinesi, João Avelar Lobato – “Equatore – Un’avventura amazzonica del detective Alfonso Scardicchio” – Brasile – Inghilterra
  • Francesco La Tessa – “Psorophora” – Monterotondo (Roma)
  • Giovanni Macrì – “La mia strada” – Barcellona (Messina)
  • Angela Mannini – “Oltre lo specchio” – Viareggio (Lucca)
  • Donatella Minola – “La pelle sotto la divisa” – Buccinasco (Milano)
  • Romano Nigiani – “L’ora del Crepuscolo” – Barcellona (Spagna)
  • Marisa Piccioli – “Il cobra fuma la pipa” – Modena
  • Sara Romanato – “Opal” – Montebelluna (Treviso)
  • Serena Salerno – “Un altro me, un altro mondo” – Barcellona (Spagna)
  • Franco Sorba – “Sapevo contare fino a cento” – Moncalieri (Torino)
  • Daniela Tani – “Buona condotta” – Firenze
  • Alessandra Tredicine – “Resistente” – Napoli
  • Dayla Villani – “Punto e virgola” – Taranto
  • Michele Visconti – “Il ponte di ghiaccio” – Pescara
  • Nicola Vitale – “I pittori del lunedì” – Milano

Pubblicato da premighstreghebuk

Premi Letterari Nazionali: - Giovane Holden - Streghe Vampiri & Co. - Bukowski

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito